Privacy Policy Buon Feragosto! – Trattoria Romana

Buon Feragosto!

ER FERAGOSTO

Se dice Feragosto, co’ ‘na erre sola ma no pe’ ‘na questione dialettale ma perchè l’artra R è abusiva, ce l’avemo messa dopo, mo ve spiego pure er perchè:

Innanzi tutto, pure er Feragosto, come tutte le usanze goderecce e magnerecce che ancora se portamo appresso, nasce a Roma, nell’antica Roma.

E er termine deriva dar latino: Feriae Augusti (riposo de Augusto). Capito? Ferie de Augusto, co’ ‘na R!
Perché pure l’imperatore romano c’aveva bisogno de anna’ in ferie, mica solo chi lavorava pe’ davero.

Così decise de istitui’ ‘sto giorno de riposo pe’ tutto l’impero.
‘sto giorno infatti, coincedeva co’ la fine dei lavori agricoli, pe’ fa’ sì che la gente godesse de riposo.

Durante le feste in tutto l’impero se organizzavano corse de cavalli e da qui nasce pure er famoso palio de Siena che se tiene il giorno dell’Assunta. Er nome Palio infatti, deriva dar “pallium”, un drappo de stoffa pregiata, premio dei vincitori.
(Tutte cose che ve ‘nsegnamo a gratis eh, Fatece caso!)

Oggi nun semo più pagani, semo cristiani, ma er ferragosto l’avemo mantenuto e l’avemo trasformato ner giorno dell’Assunzione de Maria, appunto.

E visto che la religione nostra è la più fica der mondo, perchè stamo sempre a santifica’ le feste coi piedi sotto ar tavolo. Pure a Feragosto dovemo magna’…
Magnamo a Natale, magnamo a Pasqua e magnamo pure a Feragosto però, mentre a Natale se magnamo l’abbacchio (dopo ave’ fritto in padella il giorno prima 18 kmq de mediterraneo) e a Pasqua se magnamo l’agnello che poi so’ la stessa cosa ma li chiamamo in modo diverso, a Feragosto sacrificamo er pollo e lo famo coi peperoni.

Prima der pollo però se magnamo le fettuccine e dopo se magnamo er cocomero, che sgrassa.

Per lo meno pe’ noi romani, nun è feragosto se non se magnamo er Pollo coi Peperoni!