Tanto pe magna

Che ssola!

Va a vvede lli, che la sora Lucianella fa la pajata. Azz, e chi mi ferma, via a razzo…..
Che sola. Piero, pensaci tu. E un’ultima esortazione a Nicola, almeno vieni con gli amici.


Trippa pajata e ccoda
robba de romana moda.

Ma la sora Lucianella
è stata solo ‘na cappella:
tanto bbone fa le penne
ma sta robba nu’la prenne.

Ce rimane ‘na speranza: che sia vero
quello che ccià detto Piero
de’n locale a li Castelli
che ffa ppuro li cervelli.

Mo vvedemo si cce s’entra
perché ssemo ppiù dde trenta
ma nno trenta de capocce,
è cche ssi ppoi conti le bbocce
(o le lische dette “cocce”)
vedi bbè’ che ner cenone
cià mmagnato ‘n battajone,
tanta è lla fame nostra
che n’esiste de di’ basta.

Pe’ mmagnasse la pajata
eppé ggodesse l’abbuffata
amo detto venerdì, mo vvedemo
quanta ggente che cce semo;
l’antro puro se po ffa
ma tu cce devi sta.

Nun me di’ “Io nun posso”
che tte chiudo drent’ar cesso
e ppoi tiro la catena………
Daje, forza. Viè a sta cena!

A me, me piace!