Privacy Policy Ciociaria – Trattoria Romana

Ciociaria

Contrariamente a quanto si possa immaginare, la ciociaria si estende ben oltre la provincia di Frosinone, fino alle aree di stanziamento delle antiche civiltà ausoniche, erniche, volsce e sannite da cui il territorio e le sue tradizioni sono stati sensibilmente influenzati. La storia, la cultura e la bellezza di paesaggi come quella dell parco nazionale d’abruzzo a est, costituiscono un patrimonio unico di questo territorio che continua a tramandare tradizioni antichissime tra le quali spicca quella enogastronomica, maturata attraverso l’esperienza della vita contadina.

Nella cucina regionale ciociara infatti si possono avvertire le contaminazioni di queste culture diverse che hanno dato vita ai sapori altrettanto variabili. Così a partire dalla sua origine contadina, la cucina ciociara si è sviluppata attraverso rielaborazioni più raffinate rinnovando le ricette più rappresentative quali le zuppe contadine, le paste fresche (le fettuccine, i “fini fini”, le “patacche”, i “timballi”), le salse a base di pomodoro e carni (maiale, agnello, pollo d’aia), gli insaccati e i formaggi, soprattutto di pecora e di capra.

I vini d.o.c. più pregiati sono il cesanese del piglio, un vino rosso dal gusto intenso e di sostenuta gradazione che asseconda magnificamente anche piatti importanti e il cabernet di atina. In questa pagina presentiamo un menù ispirato ad antiche tradizioni enogastronomiche, offrendo ricette i cui ingredienti provengono esclusivamente dalla ciociaria.

CALASCIONI CIOCIARI
Panzerotti di pasta sfoglia ripiena di uova, parmigiano, pecorino e pepe nero.

SALUMI E FORMAGGI DELLA CIOCIARIA
Prosciutto crudo di Guarcino, prosciutto affumicato di Campocatino, pecorino di Picinisco, salsicce di Filettino e una scelta di formaggi di pecora della Ciociaria.

PANDORATO CIOCIARO
Fette di pane cotte a legna alte circa 2/3 cm su cui viene ricavata una tasca farcita con mozzarella e filetti di acciughe. Successivamente il pane viene bagnato con latte,
cosparso di farina, uovo e fritto.
Si tratta di una antica ricetta ciociara. Uno spuntino energetico che veniva consumato al mattino prima di una lunga giornata di lavoro.

PATACCHE DELLA CIOCIARIA
Su un tavolo di marmo viene fatto un impasto di acqua, farina, olio e sale. La sfoglia
viene tagliata a striscioline e cotta in acqua salata. Le patacche vengono condite con una salsa fatta di olio, aglio, un pizzico di peperoncino, pomodoro fresco e basilico.

PASTA E PATATE
In una terrina viene soffritto un trito di carota, cipolla e sedano su cui vengono versate patate, pomodoro e brodo vegetale. Alla zuppa vengono poi aggiunti i cannolicchi.

ZUPPETTA DI SCAROLA E FAGIOLI
In una padella, a un soffritto di pancetta e cipolla vengono uniti pomodori, fagioli,
scarola ed acqua.

CONIGLIO ALLA CIOCIARA
In una padella vengono dorati dei tocchetti di coniglio a cui vengono aggiunti un trito
di filetti di acciughe, maggiorana, peperoncino, aglio, rosmarino, vino e aceto bianco.
Il tutto viene cotto fino a che la salsa si addensa.

POLLO ALLA CIOCIARA
Il pollo a tocchetti viene cotto in padella con vino bianco, peperoncino, pomodori e
peperoni tagliati a falde.

ABBUTICCHI
Piccoli involtini di trippa d’agnello ripieni di ventresca, mortadella, un pezzetto di pecorino e un quarto di uovo sodo. Il tutto viene cotto in una salsa di aglio olio e pomodoro.