Tanto pe magna

Dieta

E cchi ciaà fatto fa? Mo stamo a dieta.

So ffiniti li tempi belli.
C’abbuffate, cari fratelli.
‘N po’ strana nostr’usanza
de chiamasse ‘n’ambulanza
parcheggiata fora’r locale
bbell’e ppronta a mette l’ale
che n’dovesse da fa gnente
ma, cce pijasse ‘n accidente,
ce portasse all’ospedale
ppe’ gguaricce da quer male
che ppija a cchi, mortacci sua,
se magna pur’a robba tua
mentre che tu, bbrutto bbrutto
stai a ccercà de fa n’ber rutto
pe’ sturatte’r gargarozzo
e bbuttà ggiù drent’ar pozzo
quello che tte sei magnato
come fossi ‘n disperato.
A Carlé, ma cche cc’è ppreso?
Che ddovressimo calà dde peso?
E quanno cazzo ce riuscimo
senza che s’affievolimo?
Antri tempi erano quelli.
Mo, ppe’ ccercà de tornà bbelli
stam’a ddieta, che sollazzo!
E ss’attaccamo sempr’ ar cazzo
che a vvedè li piatti bboni
ce se gonfien’i cojoni.
Che ttutto sto bber pranzo nostro
potesse ‘n ggiorno esse’r vostro
no ppe favve’na scarogna
ma ppe puilivve la fogna
da tutta quella zzozzeria
che vve sbranate ‘n trattoria.
Che a mmagnà è ssempre bbello
ma co’ rispetto pe’r budello.

A me, me piace!