Privacy Policy
Tanto pe magna

Er piatto voto

Un ritratto di una figura di un tempo passato, di un momento socio-culturale molto piu duro rispetto al contesto attuale che ha sostituito l’osteria con negozi fuori della legalità.


Che ttristezza sora Maria
quanno vengo all’osteria
m’apparecchi lli dde fianco
e mme metti er piatto bianco,
le posate, er bicchiere voto…
Ma cche parlo ‘n ostrogoto?

Poi me dici che mme ‘ncazzo!
Te l’ho ddetto che sso pazzo,
da la fame nun ce vedo
si’n mme fai trovà ‘no spiedo
aggià bello arosolato
ppronto qqui p’esse sporpato
e’n fiascone bello pieno
che mme bbevo senza freno.

Poi, mo cche sse raggiona,
datte ‘na mossa, sta culona:
porta qqua n’amatriciana
e quello bbono, na damiggiana.

Mo comincia er pranzo mio:
dda bbeve a ttutti, pago io.

A me, me piace!