Tanto pe magna

Festa del papà

A ogni festa c’è sempre qualcuno che se lamenta, fatece caso.
L’unica categoria che accetta l’auguri cor sorrisone, senza fa’ ‘na piega, è quella der papà.

La festa der Papà è nata ai primi del ‘900, la festa della Mamma esisteva già da un po’, ai Papà j’è stata regalata ‘sta ricorrenza complementare pe’ falli contenti.

In realtà i papà ne potevano fa’ pure a meno eh, er papà è quello che se non ce sta a casa quasi non se ne accorge nessuno, è quando non ce sta la mamma che so’ cazzi.

Er papà è quello che quando va in pensione, impiccia dentro casa.
E’ quello che la domenica, mentre la mamma sta a spiccia’ non sa do’ se deve mette’ perchè potrebbe esse’ de intralcio, per questo una volta, pjava e usciva e annava a compra’ er giornale.
Dico ‘na volta perchè oggi co’ internet nun ce l’ha più ‘sta scusa.

Er papà è il più immaturo in famiglia, je piace ancora divertisse, è quello che sfida er figlio a gioca’ “a palletta”, è quello che dentro casa fa più danni e quello che compra i Lego ar figlio ma pe’ costruilli lui.
Per questo Ikea c’ha ‘sto successo.

Er papà è quello che non trova i pedalini, che non trova le camicie ma due cose le riesce a fa benissimo, butta’ la monnezza e mette i bagagli in macchina, prima de parti’ pe’ ‘na vacanza.

Er papà è quello che, messo alle strette dal figlio, c’ha la risposta universale pe’ tutte le faccende domestiche: “chiedilo a Mamma!”

A me, me piace!