Privacy Policy
Tanto pe magna

Giovvedi

Testo ideato dal Nonnino (alias Gianfranco, il più attempato della compagnia) durante il viaggio del “poro pendolare” sul treno Roma Orvieto.
Resa romanesca del Marigno (io) che ha provveduto a sciacquarne i panni in Tevere.


Gioveddì ggiorno de panza
er Mmarigno se prepara
a ’ffrontare co’ ccoerenza
questa glieta ricorenza.

Piano piano se fa ll’ora
de fionnasse lla dde fora
pe’ ffa’ n’po’ dde matteria
ne sto ggiorno d’alegria.

Accompagnato dar Sor Mino,
cor Sor Dante e ccor Nonnino,
è ggià ppronto su la via
pe’ recasse ’n trattoria.

Solo ’n dubbio je rimane:
“Pe’ ggodesse sta magnata
sarà mmejo ’n’abbuffata
dall’Ardito o dar Moschino?”

“Trippa, coda o la pajata,mezza acqua o ssolo vino?
Li nervetti li pijate pe’ fa ’n po’ de stuzzichino?”

Porta tutto! Ce cojoni!
Che nnoi semo quelli bboni;
puro er dorce hai da portà
si cce voi accontentà.

E’ ffinita la magnata,
sona ggià lla ritirata.
Facc’er conto ch’er Nonnino
cià ggià ppronto er piggiamino.

A me, me piace!