Privacy Policy L’ antico borgo dei pellegrini – Trattoria Romana
Sketchbook

L’ antico borgo dei pellegrini

Era il 1596 quando le maggiori autorità dell’Urbe, riunite in Campidoglio, deliberarono di scorporare la Città Leonina, fino ad allora parte del rione Ponte, e farne il quattordicesimo rione di Roma. In epoca romana la zona era occupata da ville con giardini e orti. In quegli orti, tra l’attuale sagrestia di San Pietro e la fontana a sinistra della piazza, Caligola realizzò il suo circo. Successivamente, Nerone completò e ampliò la costruzione collegandola con l’altra sponda del fiume mediante il ponte Trionfale (sostituito oggi da ponte Vittorio), i cui resti affiorano ancora oggi quando il Tevere è in magra. Con il Cristianesimo la zona divenne centro di religiosità: Costantino costruì la prima basilica di San Pietro per accogliervi il sepolcro dell’Apostolo e da subito la basilica divenne il luogo più venerato e visitato dai pellegrini di tutta Europa. Questi erano soliti accamparsi nei dintorni della chiesa e un po’ per volta, tra VII e VIII secolo, cominciarono a sorgere centri di carità e ospizi ‘nazionali’, detti “scholae”: la prima fu la Schola Saxonum per i britanni, oggi chiesa di Santo Spirito. Poi, a seguire, tutte le altre: la Schola Frisonum (chiesa di San Magno) per gli olandesi, la Schola Francorum (San Salvatore de Terrione) per i francesi. Gli ospizi, ampliandosi, divennero vere e proprie ‘colonie’ di stranieri e il termine germanico ‘Burg’ (=centro abitato) restò come appellativo del rione che si chiamò Borgo.

A me, me piace!