Tanto pe magna

La bbottija

‘Na gita a li Castelli dove anni addietro era possibile trovare il Cannellino, vino dolce squisito tipico della zona. Non so perché, questa prelibatezza, come pure la pajata, fa parte dei generi vietati. E nnoi famo sempre la rota….


A signò, ss’è furminata la lampara
portatecene n’antra o mmejo, n’par dde para,
che ppe ffa ll’aperitivo a tutti
cor zalame, l’olivette e li preciutti
s’avvizzisce come ‘n fiore: de’n baleno.
Portatecene sett’otto armeno,
n’torente, n’fiume, ‘na cascata
che ssinnò la bbella tavolata
se’ntristisce a mmurà a ssecco
senza mai bagnass’er bbecco.

Quanno poi passamo ar primo
se guardamo e ‘nze stupimo
si lle bbocce so’ ddue a ttesta.
Cor secondo è ‘na gran festa:
si cce porti quello bbono
faccio pace e ddo er perdono
puro ar peggio nemico mio
e mme sento quasi ‘n dio.

Che cciai puro er cannellino?
Me ce’ntigno er ciambellino.
Ma lassa la bottija giù ‘n cantina
s’arzamo noi, si cce regge la schina
che ssi passa er finanziere…..
Se fa ppuro lui ‘n bicchiere.

A me, me piace!