Tanto pe magna

‘Na ggiornata’r mare

L’orario estivo dell’azienda dove lavoro prevede che il venerdì si lavori per cinque ore. Il mare sta molto vicino in termini di spazio ma non in termini di tempo: i limiti di velocità imposti sulla strada per arrivarci consigliano di montare su una carrozza tirata da pariglie di tartarughe. L’orario di uscita minimo, pochi minuti oltre l’una, consente comunque di arrivare al mare giusto in tempo per il pranzo.


Venerdì mo ss’esce presto,
ggià dall’una, si ssei lesto,
si hai passato la schedina
a le otto la matina.
Ne la maghina ciò ttutto
drent’a qquer bborzone bbrutto:
bell’e ppronto’r coredino,
ce sta ppuro’r costumino,
sandaletti, ‘sciugamano….
e tte credo, so Romano
e cciò’r mare propi’an passo,
a npo’ ppiù cche ttirà ‘n zasso.
E’ cche a ffa la vestizzione
tocc’annà drent’a’n frattone,
mica poi passà’r tornello
in mutanne e ccor zecchiello.
Mejo certo cor decoro
che tte da’r Dopolavoro
si vvai a lo stabbilimento
sceso ggiù dar firmamento (1)
e te piji ‘na gabbina
ndo te spoji panza e schina
evitannote la rogna
de fa vvede la vergogna.
All’un’e mmezza, che sse magna,
ggià sso ppronto a la cuccagna:
antipasto, du’ spaghetti
(mica ‘n chilo ma ‘n par d’etti),
pe’ sseconno ‘na frittura
che’r budello ‘n ze ne cura,
de contorno peperoni
fatt’arosto, propio bboni.
Vino, dorce, caffettino,
sigaretta e ‘n zambuchino
co la mosca che ggalleggia.
Ma ndo sto? Qui è ‘na reggia
e ssi cce fosse ‘na reggina
ce farei puro matina.
Poi me tuffo, facc’er bagno,
è ggià ora che rimagno:
‘n tamarindo, ‘na pizzetta,
m’arivesto e vvò a ccasetta.

(1) Il nome dello stabilimento è “Zenit”

A me, me piace!