Privacy Policy Ponte – Trattoria Romana
Sketchbook

Ponte

Il V rione è rappresentato da un ponte sormontato da una torre merlata. Era in origine una vasta palude formatasi con gli straripamenti del Tevere e con le piogge. Su questa spettrale distesa di acque, una volta bonificata, sono sorti alcuni tra i più bei palazzi romani e alcune magnifiche chiese. Il toponimo, in realtà, deriva dal più famoso tra i ponti romani: ponte Elio o Sant’angelo. Costruito dall’architetto Decriano, doveva probabilmente servire per trasportare i materiali occorrenti alla costruzione del Mausoleo di Adriano. Nessun barbaro e nessuna piena sono riusciti mai a danneggiare una costruzione così perfetta che, insieme al Pantheon, è tra le più intatte della romanità. Aveva otto arcate (ne sono rimaste tre) e una larghezza di 10,95 metri. Altro toponimo importante del rione è il Monte Giordano, un monticello artificiale formatosi sulle rovine dell’anfiteatro Tauro e che prende il nome da Giordano Orsini, che vi eresse la sua rocca a difesa dello stesso ponte Sant’Angelo. Sul ponte passavano grandi moltitudini di pellegrini diretti a San Pietro per il Giubileo. La scena fu rievocata anche da Dante nei versi dell’Inferno. Ma la vera vocazione di rione Ponte era il turismo, con alberghi e locande: tra le più famose, l’Albergo dell’Orso che vantava ospiti di prestigio come, appunto, Dante e poi Rabelais, Montaigne, Gogol’, Goethe. In tono minore, poi, c’erano le locande del Leone e dell’osteria “All’insegna della luna” in via dei Banchi, presso la chiesa di San Celso, o quella della Campana e della Spada attorno a Monte Giordano. Forse la più famosa è quella dell'”Insegna del Sole” a via Monte Brianzo, la cui proprietaria era Vannozza Cattanei, probabile amante di papa Alessandro VI Borgia.