Privacy Policy Pastasciutta – Trattoria Romana

Pastasciutta

Aldo Frabrizi (1905–1990), indiscusso maestro della recitazione e della poesia, la propone con una raccolta di “Ricette e considerazioni in versi” e la consiglia come strategia alle giovani donne che vogliono sedurre i propri maritini prendendoli per la gola…

Sto libro, forse, non avrà importanza,
però pe’ le sposette cià valore,
giacchè per imbroccà le vie der còre
se pja la scorciatora de la panza.

In fatto de cucina, l’eleganza
consiste sopratutto ner sapore,
e specie se lo sposo è un amatore
più che la forma conta la sostanza.

La sposa ormai se deve da convince
che ne le beghe de la vita a due,
se cià er fornello facile, pò vince.

E si lo sposo svicola e ciriola,
pe’ congegnà le marachelle sue,
nun resta che pijallo pe’ la gola.

Er primo pasto

Quanno mi madre me staccò dar petto,
e me se presentò cor semmolino,
buttai per aria tazza e cucchiarino
creanno er primo caso de “riggetto.
Ormai nun me sentivo più pupetto,
pe’ via ch’avevo messo già un dentino,
provò a ridamme er latte… genuino,
ma protesta co’ un minimozzichetto.
Lei fece un urlo sensa intenne er dramma,
ma come la potevo contestà
si ancora nun dicevo manco mamma?
Mi padre disse: ” Soffre de nervetti”.
E quieto quieto cominciò a magnà
‘n’insalatiera piena de spaghetti.

‘Sta noncuranza sua m’imbestialì,
mi madre nun sapeva più che fà.
Papà je fece: ” Lasselo sfogà,
po’ esse che cià sonno e vò dormì”.

Allora io pe’ fajelo capì,
puntai lo sguardo ar piatto de papà,
mi madre disse: “Vedi: vo’ giocà;
daje er cucchiaro, fallo divertì”.

A un certo punto de ‘sta tiritera
pensai: nun me rimane che ‘na via,
buttamme a pesce ne l’insalatiera.

E fu così che pe’ volè magnà
la prima pasta de la vita mia
‘n’ antro po’ me stavo p’affogà.

Ricette in versi dei piatti della tradizione romana, considerazioni sulle abitudini alimentari degli italiani, rimpianto per la vita semplice di un tempo, ironia sulle diete; questo e altro ancora sono gli argomenti di questi divertenti sonetti che raccolgono l’eredità di un genuino sarcasmo dalla tradizionale poesia romanesca.

Leggi altri sonetti di Aldo Fabrizi

A me, me piace!
guest
0 Battute
Commenti sull'argomento
View all comments
0
Partecipa alla passatella con una battuta...x
()
x