Privacy Policy Trattoria Pietro Gatti – Trattoria Romana
Sketchbook

Trattoria Pietro Gatti

Si deve salutare il trasferimento della trattoria di Pietro Gatti da Via S. Venanzio (presso Piazza S. Marco). Gatti, oste apprezzatissimo, ha le sue origini in Borgo Vittorio dove la Sora Filomena, la moglie, non temeva rivali. Nel 1890 la ditta emigra onde meglio accogliere la numerosa clientela in Borgo Pio per passare nel 1921 a S. Venanzio fino al 1928. In seguito a demolizione, dovevano costruirsi le esedre arboree del Vittoriano, si trasferisce prima a Piazza di Pietra n. 92, poi in Piazza S. Claudio e in Via del Boschetto, da dove sempre per sventramento edilizio (vera persecuzione familiare) passa nell’attuale sede al Vicolo Sciarra. Qui ospita i soliti amici e anche gran parte dei cronisti, redattori e maestranze del Giornale d’Italia da Caburi a Geraldini, da Tegamino (Mangano) a Clementi, Mastrigli, Beghè, ecc., ed Ettore Gatti succeduto (1934) al padre vi assiste purtroppo alla tragica fine dell’unico figlio Alberto, ucciso (3-II-944) in una turbolenta rissa con soldati stranieri, sopravvivendo di poco a tale lutto. foto: Trattoria Pietro Gatti a Via di San Venanzio, nel 1928 – Strenna dei Romanisti (1957)