Privacy Policy Via de’ Cappellari – Trattoria Romana
Sketchbook

Via de’ Cappellari

Strada antichissima che, segmento dietro segmento, adattandosi agli insediamenti medioevali, arriva a sfociare in Via del Pellegrino.

Tutte le case a sinistra appartengono al Rione Regola, quelle a destra rientrano invece in Parione, mentre l’arco in alto, sei-settecentesco, sembra annullare certe divisioni per ricollegare non soltanto idealmente le due sponde della strada.

A sinistra, al civico numero 12, un targone d’angolo, lettere bianche su fondo rosso, annuncia e promette “Vini dei Castelli Romani – S 6 7 8”. Dove i numeri sibillini, e la lettera S vogliono soltanto dire: Soldi 6, 7, 8 il litro. Rispettivamente, 30, 35, 40 centesimi di lira. Anche se appena qualche anno più tardi Hans Barth, che se ne intendeva, assicurerà che quei numeri andavano riferiti al “mezzo-litro”. Sulla porta, nel riquadro, è dipinta pure in rosso l’insegna comune a molti di questi locali, “Osteria con Cucina Casareccia”.
da “Roma sparita negli acquerelli di Ettore Roesler Franz” di Livio Jannattoni , Newton Compton Editori

A me, me piace!